Consigli dietologici



GASTRECTOMIA

Intervento chirurgico finalizzato all’asportazione parziale o totale dello stomaco (ad esempio, per carcinoma).
In questi casi spesso il paziente si alimenta poco in quanto si sente subito sazio e può andare incontro ad una malnutrizione. Per evitare tale problema si consigliano pasti piccoli, frequenti, asciutti (evitare le minestre, danno sazietà senza fornire un apporto calorico elevato), bere lontano dai pasti, ridurre dell’introito dei vegetali.
In presenza di queste malattie è sempre necessaria una consulenza dietologica attuata da un medico specialista.

DUMPING SYNDROME (POST-GASTRECTOMIA)

Rappresenta la “sindrome da transito accelerato”. Il trattamento dietetico della dumping syndrome è basato sulla riduzione del volume e degli effetti osmotici (di richiamo d’acqua) degli alimenti che giungono nel tratto prossimale del piccolo intestino, con successiva diminuzione della distensione intestinale e ritardo dell’ipoglicemia indotta.
Si raccomandano:
1. pasti piccoli e frequenti per ridurre la distensione addominale causata dal rapido svuotamento gastrico dopo pasti abbondanti;
2. la limitazione dell’assunzione di zuccheri semplici (dolci tipo zucchero da tavola, marmellate, miele, bevande zuccherate ecc.), a favore del consumo dei carboidrati complessi (pane, cracker, fette biscottate ecc.);
3. la non introduzione di liquidi durante i pasti;
4. l’assunzione della posizione semi-seduta subito dopo il pasto, che può aiutare a ridurre i sintomi della dumping.
Poiché la sintomatologia varia enormemente in severità e durata, la dieta deve essere individualizzata in accordo con lo stato e le esigenze del paziente.
In presenza di questa malattia è sempre opportuna una consulenza dietologica attuata da un medico specialista esperto.